Inicio Opinión L'Italia, dalla gioia alle lacrime: un paese sull'orlo della tragedia

L'Italia, dalla gioia alle lacrime: un paese sull'orlo della tragedia

Teleférico.
Teleférico. (Bomberos)

Questa domenica 23, l'Italia è stata scossa fino alle ossa quando ha visto le immagini di una cabina della funivia schiantarsi al suolo.

Una dozzina di morti, tra cui un bambino di 9 anni e coppie giovanissime, è stato il prezzo che abbiamo dovuto pagare questa volta in un paese in cui le infrastrutture flirtano con la tragedia ogni minuto.

LA SCORSA NOTTE, IL PAESE E 'ANDATO A DORMIRE CON UNA GIOIA CONDIVISA PER LA VITTORIA DELL'EUROVISION FESTIVAL DOPO 30 ANNI DI MANCANZA

Sebbene quel risultato artistico possa sembrare minore, queste piccole vittorie contribuiscono alla costruzione di un'identità collettiva di orgoglio nazionale, cosa non da poco dopo più di un anno di assedio pandemico. Un anno in cui l'Italia è stata la prima pagina di tutti i giornali del mondo per essere stata il fulcro occidentale del coronavirus.

Non erano pochi quelli che, sabato sera, hanno sfoggiato scherzosamente di essersi sentiti orgogliosi che il continente parlasse positivamente di noi. I giovani del gruppo musicale Måneskin avevano ottenuto ciò che, ad esempio, la nazionale di calcio non aveva fatto da molti anni.

TUTTAVIA, SOLTANTO 12 ORE DOPO, LA NOTIZIA DELLA CADUTA DELLA FUNIVIA CI HA DATO IL SOFFIO DURO DELLA REALTÀ

Quello di che Roma, e Italia, è un museo a cielo aperto è diventata una maledizione. Le autorità si sono rilassate su quel motto e hanno liberato le infrastrutture del paese a caso dalle intemperie e dal passare del tempo senza alcun tipo di controllo. Totale, cosa importa? L'attrazione dell'Italia è essere un vecchio paese, potresti aver pensato.

In Italia può succedere di tutto: che il Morandi, uno dei ponti più iconici del Paese, crolli e uccida decine di persone, che crolli il fronte di un'azienda e uccida una donna e i suoi figli o che le nostre dita non raggiungano per contare i morti e adolescenti feriti dopo una fuga precipitosa in una discoteca con scarse uscite di emergenza.

Ci siamo abituati a tragedie che potevano essere evitate. Parole che non scelgo io, ma che lo stesso Papa Francesco ha scritto in una lunga lettera un anno dopo la tragedia di Ponte Morandi a Genova: "Di fronte a eventi di questo tipo, il dolore causato dalle perdite subite è insopportabile e non è facile alleviare. , così come è comprensibile il sentimento di non rassegnazione di fronte a un disastro che si sarebbe potuto evitare".

La Roma eterna ha una metropolitana in cui vengono presi molti accordi senza la minima logica, se non del tutto. Ci si sente più sicuri nelle rovine romane che nella metropolitana stessa, dove una scala può crollare e lasciare una montagna di feriti.

È urgente che il paese inizi il compito faraonico di supervisione delle infrastrutture.

La funivia della tragedia in Piemonte aveva superato con successo l'ultima profonda revisione tecnica in agosto 2016. Gli italiani iniziano a muoversi ea prepararsi all'estate dopo l'allentamento delle restrizioni e il Paese è una trappola in cui un momento di riposo può diventare il prossima tragedia evitabile.

Deja un comentario